Luce a Sud

Se ti convincono che nulla può cambiare, nulla cambierà

Se a Napoli sopravvive l’antagonismo ideologico lo dobbiamo anche a Giggino

su 18 novembre 2011

E’ davvero molto coerente il sindaco De Magistris. Presentatosi come l’uomo nuovo, nè di Destra nè di Sinistra, pronto a immolarsi quale salvatore della città, ha poi dovuto gettare la maschera, chiedendo sottobanco e sopra, in più di un’occasione, l’appoggio di piazza dei centri sociali (salvo poi non aprire bocca quando alcuni leader antagonisti sono stati perquisiti come calzini dopo gli scontri di Roma). Doveva, dunque, il nostro Giggino Settebellezze, necessariamente gettare benzina sul fuoco schierandosi contro il corteo che il 26 novembre prossimo ha organizzato Casa Pound Napoli contro la “svendita dell’Italia”, una roba che sa di muffa nazionalista, che manco negli anni settanta avrebbe avuto presa. Il punto, però, è un altro: in una città civile, che ambisce a tornare Capitale del Mezzogiorno, un sindaco che vorrebbe fare il capoccia di un nuovo movimento meridionalista non può permettersi di aizzare scontri ideologici fuori tempo. I nemici, per i poveri eredi di Destra e Sinistra che ancora si camuffano dietro queste barriere cadute praticamente quasi in tutto l’Universo, dovrebbero essere unici, soprattutto qui al Sud: e si chiamano banche, poteri forti, lobby massoniche. Qualcuno lo spieghi a Giggino, tra una comparsata e l’altra. Perché quelle due parole anticorteo sono state cacchie di provocare da una parte lo stop al corteo dei neofascisti e dall’altra di far muovere i dei gruppi antagonisti di estrema sinistra con controcortei. Ma soprattutto di dare l’immagine di una città ferma nel suo tempo peggiore.  E incapace di muovere battaglie serie, vere. Come quella contro l’idea snocciolata da Monti, ieri al Senato, di un Sud che sopravvive solo grazie all’assistenzialismo. Una cosa sulla quale De Magistris non ha manco saputo balbettare una dichiarazione in difesa… altro che uomo nuovo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: